CAFISC-EJ Articoli,Criminologia COSA SONO LE PARAFILIE

COSA SONO LE PARAFILIE

Secondo la definizione del vocabolo parafilia, etimologicamente si costituisce come : parallelo all’amore, “para” parallelo, “filia” amore (Abreu, 2005).

Sostituisce il termine perversioni sessuali.

Stabilire una linea dallo spettro del desiderio sessuale, dove l’ottenimento del piacere avviene sia in modo convenzionale che con ciò che viene stabilito come “anormale” in ogni contesto socioculturale.

Nella prospettiva del DSM-V (2013), la parafilia si riferisce a una rappresentazione di intenso interesse sessuale che persiste nel suo processo, dove non è caratterizzato dal focus della stimolazione genitale o alcuni preliminari con partner umani , con Il loro consenso e una maturità fisiologica e anatomica.

Poiché questa concezione, di intensità e persistenza del desiderio, deve essere giudiziosamente ripensata di fronte a situazioni e casi specifici.

Si attribuisce tale definizione, ad esempio, in relazione al desiderio di persone molto anziane, malate e altri (DSM-V, 2013).Si può dire che “in questi casi il termine parafilia può essere definito come qualsiasi tipo di rapporti sessuali maggiori o uguali a interessi sessuali normofili” (DSM-V, 2013, p.685).

La parafilia è ogni comportamento sessuale, finalizzato all’eccitazione, all’erotismo e ad ottenere piacere solo da un tale oggetto, o situazione, o luogo, ecc. e non per rapporto diretto.

Un comportamento non sempre patologico, che si può anche classificare come variazioni nella sessualità o disturbo delle preferenze sessuali, che si articola nello stato di natura ossessiva, incontrollabile e impulsiva, dove il soggetto otterrà piacere solo in questo modo.

Attraverso i conflitti che ne derivano, l’aspetto rigido e le sue problematiche relazionali, si potrà ricavarne un carattere classificato come “disturbo”.

Affinché le parafilie si manifestino e siano riconosciute come una parafilia, richiedono un carattere definitivo, che secondo Abreu (2005) si stabilisce in un ciclo di tipo oppressivo, rigido e impulsivo, che determinerà così il comportamento del soggetto nei confronti del suo desiderio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Post

Detenzione al femminileDetenzione al femminile

DIPARTIMENTO AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIAUFFICIO DEL CAPO DEL DIPARTIMENTOUfficio Studi Ricerche Legislazione e Rapporti Internazionali La detenzione femminileLe donne detenute costituiscono una piccola percentuale della popolazione carceraria nazionale. Nelle nostre carceri oltre