Spionaggio e controspionaggio

Jean-Pierre Alem – (Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 1984)

Il volume, pubblicato in lingua originale in Francia nel 1980 e apparso nella traduzione italiana curata dalle Edizioni scientifiche Italiane, nel 1984, è una piccola storia dello spionaggio e del controspionaggio dall’antichità ai nostri giorni.

L’autore, che cela la propria identità sotto lo pseudonimo di Jean Pierre Alem, dopo aver tracciato un brevissimo excursus storico dell’azione segreta, ricorda come lo spionaggio “non trasforma radicalmente il corso della storia, ma accade che cambi profondamente le vicende“.

Alem analizza tre fasi dell’attività spionistica: l’acquisizione, la trasmissione e la protezione delle informazioni e, rivolgendo la sua attenzione alla figura degli “agenti”, esamina alcune motivazioni che spesso sono alla base di una scelta professionale a volte così “ingrata”, e cioè il denaro, il patriottismo, talora il desiderio di avventura, la costrizione, procedimento spesso comodo, usato frequentemente dai Servizi Segreti comunisti.

L’autore del volumetto, rivelati i sistemi del reclutamento e dell’istruzione, si sofferma sulle intercettazioni, fonte ricchissima di informazioni e sui mezzi tecnologici più sofisticati utilizzati a tale scopo.

Alem ritiene tuttavia che l’impiego di metodi e materiali sempre più elaborati, pur fornendo ai Servizi di Informazione possibilità sempre più vaste, dimostri che essi “prolungano e affinano l’azione degli agenti ma non la escludono”.

L’autore descrive poi i mezzi di comunicazione usati dall’agente per contattare il suo ufficiale di collegamento per passare alla illustrazione delle protezioni delle informazioni segrete e cioè delle articolate misure di sicurezza applicate per difenderle.Un capitolo è dedicato al controspionaggio e ai suoi compiti: la controingerenza e l’intossicazione, con particolare riguardo alla figura degli agenti doppi.

Il volumetto si conclude con una brevissima rassegna dei servizi segreti occidentali (Francia, Stati Uniti, Inghilterra, Germania federale, Italia, Israele), di quelli speciali del blocco sovietico e di quelli speciali arabi (Egitto, altri Paesi del Vicino Oriente arabo e l’organizzazione per la Liberazione della Palestina).Il libro, di scorrevole lettura, nato, come afferma l’Autore nella conclusione, dal tentativo “di demistificare un’attività e di esorcizzare una parola”, consente una rapida incursione nel mondo dei servizi e costituisce uno strumento utile per conoscerne le tecniche dall’interno, sia pur in maniera non approfondita.

Presumibilmente poco attuale la parte dedicata alla tecnologia, in considerazione del fatto che il libro è stato pubblicato nel 1980.

Fonte: AGENZIA INFORMAZIONI E SICUREZZA INTERNA gnosis.aisi.gov.it

Foto: spiare.com

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Post

Cyber SecurityCyber Security

Il progresso tecnologico nel campo delle reti e degli strumenti di comunicazione consente di creare nuove opportunità rilevanti di crescita e di sviluppo, richiedendo allo stesso tempo un maggiore impegno